money management

La gestione del capitale o money management è uno degli aspetti a cui porre maggiore attenzione quando si opera con il trading. Prima di investire del denaro vero in qualsiasi operazione finanziaria di trading online è fondamentale informarsi e soprattutto “esercitarsi” con i sistemi demo messi a disposizione dai broker per i propri iscritti. Il broker GTCM è tra le piattaforme di trading online in grado di offrire sofisticati software con i quali imparare a mettere a punto una strategia grosso modo vincente. Infatti, nel trading non esistono formule magiche per vincere e guadagnare sempre; al contrario gran parte del trading si basa sulla capacità di saper gestire e assorbire le perdite. La gestione del capitale si basa proprio sulla consapevolezza che il capitale messo a disposizione del trading deve saper essere amministrato per minimizzare le perdite e conservare quanto più possibile il capitale. Saper preservare il capitale è già sinonimo di profitto. In ogni caso la matematica può venire in soccorso per aiutare il trader a capire anche i propri limiti, quanto capitale gestire e il proprio grado di sopportazione delle perdite.

Come calcolare le aspettative e il drawdown nel money management

Ogni trader ha un grado di aspettative rispetto a quanto vuole guadagnare con il trading, in sostanza la media di denaro che si mette in conto di vincere o perdere. Si calcola nel modo seguente:

(A X B) – (C X D)

dove:

  • A = probabilità di successo
  • B = media delle vincite
  • C = probabilità di insuccesso
  • D = Media delle perdite.

Per poterlo stimare correttamente occorre fare delle prove di trading in versione demo, in modo da appuntarsi quante volte si vince, quante si perde e calcolare la media. Quando il dato è abbastanza affidabile si può cominciare a valutare l’ammontare di capitale che si è disposti a rischiare e di conseguenza il proprio indice di tolleranza delle perdite o drawdown. L’indice viene espresso in percentuale rispetto al capitale che si mette a disposizione ed è graficamente rappresentato nel modo seguente:

drawdown

Il range di drawdown è la differenza tra il picco massimo e minimo di perdite disposti a sostenere ed indica una serie di trade perdenti consecutivi entro i cui limiti, le perdite si reputano tollerabili rispetto al capitale investito.

La legge di Grisham nel money management

In materia di money management esiste una legge chiamata Legge di Grisham o Legge della rovina statistica che enuncia la performance ideale e necessaria da tenere per il trader affinché possa recuperare una determinata percentuale di perdita: la percentuale di riuscire a recuperare una perdita cresce in modo esponenziale all’aumentare delle perdite; quanto più è grande la perdita tanto maggiore e difficoltoso sarà il recupero. La tabella di Grisham ne esemplifica i valori:

Perdita% / Guadagno % per pareggiare

  • 10 / 11%
  • 20 / 25%
  • 30 / 43%
  • 40 / 67%
  • 50 / 100%
  • 60 / 150%
  • 70 / 233%
  • 80 / 400%
  • 90 / 900%
  • 99 / 9900%

Ciò significa che una volta perso il capitale iniziale, il recupero è quasi impossibile, motivo per cui gli esperti consigliano di non investire mai più del 2% del proprio capitale per singola operazione.

Come calcolare il money management

La formula che si utilizza è la seguente:

C/100 X T = S

dove,

  • C = capitale posseduto
  • T = Propensione al rischio
  • S = somma che si può investire sulla singola operazione

Per esempio: a fronte di un capitale di 1000 € si può investire 20 € (il 2 % del capitale), cioè sostituendo alla formula i numeri: 1000 € / 100 X 2 = 20 €. Se alziamo la propensione al rischio al 5 % otterremo: 1000 € / 100 x 5 = 50 €, quindi su un capitale di 1000 € possiamo investire fino a 50 € da suddividere su due o tre operazioni e determinando parimenti il limite di perdita. Se poniamo di fermarci appena superiamo la quota di perdita (stop loss) pari all’1% del capitale (quindi nell’esempio, pari a 10 €) si possono determinare operazioni considerando sia il fattore vincita che quello perdita, vale a dire proprio trarre vantaggio anche dalle perdite minimizzandole.

Una volta prese le coordinate si può far leva su due variabili:

  • il capitale da investire per singolo trade
  • la perdita massima per singolo trade.

Solo la pratica e le simulazioni su demo possono aiutare a comprendere meglio meccanismi e strategie, fermo restando che la realtà può sempre essere più inverosimile e imprevedibile di ogni strategia.